___________
  • Slide Barra

Avviata la fase di concertazione e programmazione del nuovo Piano sociale di Zona dell’Ambito Tavoliere Meridionale

SAN FERDINANDO DI PUGLIA - È partita questa mattina la fase di concertazione e programmazione partecipata che porterà alla stesura del quinto Piano sociale di Zona dell’Ambito Territoriale Tavoliere Meridionale per il triennio 2022/2024. Arianna Camporeale, presidente dell’Ambito e sindaca di San Ferdinando di Puglia (Comune capofila), ha ricevuto l’assessore alle Politiche sociali di Margherita di Savoia, Grazia Damato. Al tavolo, in mattinata i rappresentanti dei sindacati Cgil BAT e Cisl Foggia, successivamente le associazioni appartenenti al Terzo Settore. (Foto)

«Le linee guida restano quelle del Piano regionale delle Politiche sociali - spiega l’assessore sanferdinandese, Cinzia Petrignano - che andremo a calibrare sul territorio in base a quanto emergerà da questi momenti di confronto». Gli interventi strutturati saranno conservati e potenziati nel prossimo Piano sociale di Zona: dal crescente “empowerment” di uomini e donne, alla conciliazione dei tempi di lavoro, all’integrazione occupazionale di soggetti diversamente abili, ai percorsi di autonomia, accoglienza ed inclusione. Ed ancora: sostegno ad anziani e disabili non autosufficienti, contrasto alla povertà, lotta alla violenza di genere. A queste misure, si aggiungeranno quelle relative a “nuove” emergenti esigenze, come favorire l’invecchiamento attivo.

Nel pomeriggio, alla ripresa dei lavori, tavoli tematici con i rappresentanti del Terzo settore. «Siamo innanzitutto soddisfatti della partecipazione propositiva che abbiamo registrato nell’intera giornata di oggi - commenta la sindaca Camporeale -. Il dialogo costruttivo con tutti gli attori della scena sociale non si limiterà, comunque, a questa fase di programmazione: assicureremo un coinvolgimento costante di soggetti pubblici e privati del territorio, anche nei successivi momenti di stesura ed attuazione degli interventi. Il Piano sociale di Zona è sempre più strumento necessario per dare risposte ai più deboli e non lasciare indietro nessuno, in un momento storico di grande fragilità».

Comunicato Stampa