___________
  • Slide Barra

Piano Poetry: la musica di Cammariere incontra la poesia di Damato

Piano Poetry: la musica di Cammariere incontra la poesia di Damato Piano Poetry: la musica di Cammariere incontra la poesia di Damato
Watch the video

TRANI - Lo spettacolo “Piano Poetry”, prodotto da Aldo Mercurio, con Sergio Cammariere e Cosimo Damiano Damato, approda a Trani il 25 luglio nello splendido scenario della Terrazza “Davide Santorsola” nel Palazzo delle Arti “Beltrani”, evento speciale del cartellone “Jazz e Teatro a Corte” a cura del direttore artistico Niki Battaglia. L’evento è organizzato in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Trani (info: 0883/500044 - email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.). (Video)

Sul palco un pianoforte e una macchina per scrivere su uno scrittoio illuminato da una lampada churchill: i monologhi, le storie e le poesie di Damato sono scandite dalle musiche strumentali di Cammariere, una contaminazione essenziale che concede solo emozioni pure in una veste nuda e minimale che racchiude anche versioni inedite delle sue perle amate dal pubblico, eseguite in un arrangiamento essenziale, solo voce e pianoforte, da “Tutto quello che un uomo” a “Dalla pace del mare lontano”, passando per “Le porte del sogno” e “Sorella mia” e le canzoni più intime come “E mi troverai” e quelle civili “Libero nell’aria” ed ancora perle preziose come “Ti penserò” (canzoni nate dal sodalizio artistico con Roberto Kunstler) ed altre chicche.

Damato racconta storie di poeti, di rivoluzioni e di amori, rivelando la sensualità e l’impegno civile, la sacralità esistenziale, le inquietudini, l’erotismo, il dolore, i figli, le battaglie civili e il palcoscenico, disegnando immaginifiche stanze su quel giardino segreto dove cantare l’amore, quello perduto, perso e poi ripreso, dimenticato, inseguito, afferrato, sognato, sofferto, salvifico, spietato ed infinito. Damato attinge dalla sua trilogia dell’amore, delle inquietudini e delle rivoluzioni: “L’ultima sequenza di un film di Jarmusch”, “Leonard Cohen è tornato” e “La disperazione di Kurt Cobain”. La poetica dell'autore, drammaturgo, poeta e regista pugliese prende vita grazie alle composizioni per piano-solo (dal disco Piano Nudo) del cantautore calabrese che ne scandiscono il ritmo.

Cammariere è soprattutto un fine compositore e questo recital è un’occasione preziosa per ascoltare la sua musica, quella più intima e segreta. Damato e Cammariere vengono da altre contaminazioni artistiche condivise: il cantautore calabrese ha scritto la colonna sonora per il film “Prima che il Gallo canti” in cui il regista pugliese racconta Don Andrea Gallo. Damato ha scritto e diretto i videoclip a cartoni animati “Dalla pace del mare lontano” (nel videoclip Damato e Cammariere rendono anche omaggio proprio a Trani in una sequenza in cui si vede Gino Paoli dipingere la Cattedrale) e “La fine di tutti i guai” ed hanno scritto a quattro mani il romanzo di formazione (ispirato alla vita di Cammariere), dal titolo “Libero nell’aria” pubblicato da Rizzoli (in occasione di Piano Poetry a fine show ci sarà il firmacopie con gli autori a cura della Libreria Luna di Sabbia). I versi di Damato e le composizioni di Cammariere sono affluenti dello stesso mare. Un mare che profuma di poesia, quella della tetralogia dell’amore, delle inquietudini e delle rivoluzioni di Damato e quella della lunga discografia di Sergio Cammariere. Come ha scritto Erri De Luca: “la poesia di Damato è l’amore di un barbaro che prova lo sgomento di farsi gentile. L’amore qui sbaraglia, spoglia e non assomiglia a niente prima. I versi sono salmoni che cercano di risalire una rapida, in obbedienza a un ordine di arrembaggio. Il vocabolario qui è trattato da energia rinnovabile”.

Comunicato Stampa

piano poetry