Destinazione ex Palazzo di Città, costituito il Comitato Referendario “Articolo 9 per Margherita”

MARGHERITA DI SAVOIA - «Il giorno 11 marzo 2022 si è costituito il Comitato “Articolo 9 per Margherita” il quale si occuperà di attivare la procedura referendaria per la salvaguardia dell’ex Municipio di Margherita di Savoia.

Si ritiene unica, imprescindibile ed appropriata per l’ex Municipio una destinazione d’uso con finalità meramente sociali e culturali. Per tali ragioni, si reputa inevitabile il coinvolgimento della popolazione in tale decisiva scelta invitandola ad esprimersi consapevolmente attraverso una consultazione referendaria. Si procederà, pertanto, alla predisposizione di tutti gli atti formali necessari all’attivazione del quesito ai sensi dell’art. 36 dello statuto comunale.

Il Comitato proponente è formato da: Michele Damato, Grazia Galiotta, Rosa Scognamiglio, Emanuele Quarta, Mario Tozzi, Ignazio Giannino e Vitantonio Leone. L’iniziativa si ispira all’art. 9 della Costituzione Italiana il quale recita: “La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione. Tutela l’ambiente, la biodiversità e gli ecosistemi, anche nell’interesse delle future generazioni”.

I promotori aderenti al Comitato, che si strutturerà su base territoriale, svolgeranno un’ampia attività di informazione e sensibilizzazione sull’argomento durante l’intera campagna referendaria.

Tale scelta assume un’importanza straordinaria nel percorso verso una ritrovata coscienza civica e partecipata.

Il Referendum, oltre che essere lo strumento democratico che consente di rimettere la decisione al popolo, è diventato oggi anche l’unica strada per coinvolgere i cittadini su scelte strategiche che riguardano le prospettive future del territorio.

I promotori del Comitato terranno prossimamente una conferenza stampa per illustrare il manifesto d’impegno e le iniziative che saranno assunte».

Comunicato Stampa Comitato “Articolo 9 per Margherita”

-----

Ecco cosa prevede l’articolo 36 dello Statuto comunale di Margherita di Savoia

REFERENDUM - Un numero di elettori residenti non inferiore al 10% degli iscritti nelle liste elettorali può chiedere che vengano indetti referendum in tutte le materie di competenza comunale. Non possono essere indetti referendum in materia di tributi locali e di tariffe, di attività amministrative vincolate da leggi statali o regionali e quando sullo stesso argomento è già stato indetto un referendum nell’ultimo quinquennio. Sono inoltre escluse dalla potestà referendaria le seguenti materie: statuto comunale; regolamento del consiglio comunale; piano regolatore generale e strumenti urbanistici attuativi; regolamento edilizio; progetti di opere pubbliche. Il quesito da sottoporre agli elettori deve essere di immediata comprensione e tale da non ingenerare equivoci. Sono ammesse richieste di referendum anche in ordine all’oggetto di atti amministrativi già approvati dagli organi competenti del comune, a eccezione di quelli relativi alle materie di cui al precedente comma 2. Il consiglio comunale approva un regolamento nel quale vengono stabilite le procedure di ammissibilità, le modalità di raccolta delle firme, lo svolgimento delle consultazioni, la loro validità e la proclamazione del risultato.

Il consiglio comunale deve prendere atto del risultato della consultazione referendaria entro trenta giorni dalla proclamazione dei risultati e provvedere con atto formale in merito all’oggetto della stessa. Non si procede agli adempimenti del comma precedente se non ha partecipato alle consultazioni almeno la metà più uno degli aventi diritto. Il mancato recepimento delle indicazioni approvate dai cittadini nella consultazione referendaria deve essere adeguatamente motivato e deliberato dalla maggioranza assoluta dei consiglieri comunali. Nel caso in cui la proposta, sottoposta a referendum, sia approvata dalla maggioranza assoluta degli aventi diritto al voto, il consiglio comunale e la giunta non possono assumere decisioni contrastanti con essa.

Redazione CorriereOfanto.it

banner telegram