Margherita di Savoia, marocchino ucciso a coltellate. I Carabinieri di Barletta fermano il presunto autore

MARGHERITA DI SAVOIA - Nel corso della tarda serata di ieri, a Margherita di Savoia e precisamente sul lungomare Cristoforo Colombo, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile unitamente a quelli della locale Stazione, sono intervenuti a seguito dell’omicidio di un 50enne marocchino, colpito mortalmente da alcuni fendenti all’addome.

A seguito di un’articolata e ininterrotta attività d’indagine i Carabinieri della Compagnia di Barletta, sotto la direzione e il coordinamento della Procura della Repubblica presso il Tribunale dei Minori di Bari, hanno individuato il principale sospettato dell’efferato atto criminoso. (Video)

Numerosi sono stati i rilievi effettuati e gli accertamenti tecnici esperiti che hanno permesso agli investigatori di orientare le indagini verso un giovanissimo soggetto, ancora minorenne, originario di Barletta, il quale vistosi individuato e braccato dai militari, a seguito di incalzante attività di polizia giudiziaria, ha deciso di consegnarsi agli stessi accompagnato dal proprio avvocato.

L’arma utilizzata, nello specifico un coltello, è stata rinvenuta e sequestrata dai Carabinieri e sono in corso gli accertamenti per determinare con esattezza le modalità con cui è stato commesso l’efferato crimine nonché il movente. Le indagini proseguono per chiarire ulteriori aspetti dell’azione criminosa.

Al momento, a carico del fermato il Pubblico Ministero ha ritenuto la sussistenza di un quadro indiziario grave relativo alla commissione del summenzionato reato, tale da ritenere necessaria l’applicazione della misura.

È doveroso rappresentare che l’odierno indagato non è considerato colpevole sino a passaggio in giudicato della sentenza di condanna.

Comando Provinciale Carabinieri di Barletta-Andria-Trani