Hub modulare in piazza Libertà, Cristiano: “Ulteriore esempio di inosservanza delle leggi e dei regolamenti. Ecco tutte le violazioni commesse”

MARGHERITA DI SAVOIA - «Egregio Direttore, sembrerebbe che approfitti della Sua disponibilità, ma la negativa evoluzione della generale locale situazione, apparendo sempre più precaria e offensiva della dignità dei Salinari, impone di intervenire, non condividendo o tollerando il silenzio, perché “viltà”.

CRITICA ALLA CONSILIATURA

Sin dal suo insediamento, si è profilata una consiliatura distratta dalla tutela degli interessi collettivi, oggettiva valutazione aggravata anche dalla irresponsabile condotta tenuta da alcuni rappresentanti della opposizione che non hanno certo fatto fatica a confondere il ricevuto mandato popolare piazzandosi, a tratti, per non meglio ragioni recondite, a sostenere le sbagliate file della dannosa maggioranza.

PROBLEMI SOCIALI ED URBANISTICI

Subito ci siamo trovati di fronte ad altro serio e grave problema sociale, pur non avendo avuto tempo sufficiente per sopire le contestazioni sollevate per la pessima gestione dei servizi in generale, in capo ai quali primeggia quello legato alla raccolta dei rifiuti solidi urbani, ridotta ormai al solo suo tentativo, e per le pessime condizioni urbanistiche in cui versa il Paese, senza tacere del permanente stato di degrado in cui versa il Nostro lungomare, sempre più connotato dalla impossibilità di vedere e raggiungere il mare, oltre che per la perdurante e continua selvaggia occupazione del suolo pubblico e per la inesistente gestione della viabilità stradale, nonostante da tempo fosse notoriamente penalizzata dalla creazione di strozzature, capaci di creare serio imbarazzo nel vedere anche i mezzi di soccorso per tale ragione bloccati.

LA QUESTIONE DELL’HUB MODULARE

A partire dal giorno 17 giugno u.s., la popolazione Salinara si trova di fronte alla realizzazione di un emolutivo hub modulare collocato per interesse di un operatore economico non Salinaro sulla centralissima “piazza Libertà”, più comunemente conosciuta come “piazza Terme”, costituente ulteriore altro esempio di inosservanza delle leggi e dei regolamenti e di superba dimostrazione della pessima gestione del territorio, favorita dalla evidente assenza di una politica economica a sostegno e disciplina non solo delle locali attività commerciali ma di tutto il sistema economico locale, costituente una deficienza deleteria per l’intera vita del Paese.

DETTAGLI SULLA SPONSORIZZAZIONE

Il discusso e discutibile hub appartiene a un operatore economico non salinaro che ha contributo ad elargire la non modesta somma di € 30.500,00 oneri fiscali inclusi per la “sponsorizzazione e la realizzazione di manifestazioni ed iniziative da inserire nella programmazione dell’amministrazione comunale per il periodo estivo annualità 2024”. La discutibilità della collocazione dell’hub è legata all’insussistente presupposto contrattuale per la sua realizzazione tra lo stesso operatore economico e il Comune di Margherita di Savoia, come si deduce dall’analisi degli atti e dei documenti pubblicati, e di cui si fa precisa e dettagliata seguente descrizione, proprio per riferire la manifesta insussistenza del diritto di erigere quell’hub e delle perpetrate violazioni normative e regolamentari.

PUBBLICAZIONE DELL’AVVISO

Con avviso pubblicato “alle ore 13:04 del 28 maggio 2024” (leggi, ndr), il “Responsabile del Servizio Patrimonio” presso il Comune di Margherita di Savoia, a seguito della delibera di G.M. numero 34 del 30 aprile 2024 (leggi, ndr), con la quale l’amministrazione locale ha deciso di attivare una procedura per la sponsorizzazione per gli eventi dell’estate 2024, e della Determinazione Dirigenziale n. 303 del 6 maggio 2024 (leggi, ndr), ha “reso noto” … “l’interesse del Comune di Margherita di Savoia a individuare Sponsor per il finanziamento di iniziative ed eventi, che l’Amministrazione Comunale intende realizzare per l’estate 2024”, finalizzata a rendere disponibili all’amministrazione comunale risorse per il finanziamento delle iniziative e/o degli eventi da realizzare o i relativi servizi e che il rapporto tra lo Sponsor (ndr, operatore economico) e lo Sponsee (ndr, Comune di Margherita di Savoia) deve essere disciplinato da contratto il cui schema o bozza è stata anche pubblicata.

cronaca mar hub modulare 08

DETTAGLI SULL’AVVISO PUBBLICO

Dopo aver precisato che la “sponsorizzazione è ogni contributo in danaro, beni, servizi, prestazioni o interventi provenienti da terzi, a titolo gratuito, allo scopo di promuovere la propria ragione sociale, la propria attività, per conseguire un beneficio di immagine”, e che lo “sponsor è il soggetto che assume, dietro corrispettivo, l’obbligo di associare alla propria iniziativa il nome o il segno distintivo di sponsor”, al punto 8 del sopra indicato avviso, è riportato che: “lo Sponsor è chiamato a versare l’importo pattuito per la sponsorizzazione, nei tempi che saranno individuati, quale corrispettivo della veicolazione e diffusione della propria immagine, nelle casse dell’amministrazione comunale, la quale provvederà a realizzare le iniziative e/o gli eventi, curando direttamente i rapporti con i fornitori”; mentre, al successivo punto 9, è stabilito che: “ai soggetti che hanno formulato valida manifestazione di interesse alla sponsorizzazione, l’Ente (ndr, il Comune) promotore invierà - in una successiva fase della procedura - una lettera di invito alla formalizzazione dell’offerta di sponsorizzazione, che conterrà tutte le informazioni e gli adempimenti utili allo scopo”.

CONDIZIONI DI PARTECIPAZIONE

Sempre nel sopra indicato “Avviso Pubblico”, pur prevedendo diverse altre forme di invio della domanda di partecipazione al bando, creando sull’argomento una non meglio definibile confusione interpretativa di quella condizione, tuttavia, al suo punto 13 è precisato che: “le manifestazioni di interesse degli operatori economici dovranno pervenire in busta chiusa al Comune di Margherita di Savoia, secondo l’allegato modello” indicato sotto la lettera “A” (leggi, ndr). In questo modello, tuttavia, è riportato l’indirizzo PEC del Comune, prevista modalità di invio delle domande ma, non anche per gli Operatori economici.

IMPEGNI DELLO SPONSEE

Nell’avviso pubblico, all’articolo 11 è specificato che negli impegni generali dello Sponsee (Comune di Margherita di Savoia), in base alla entità della sponsorizzazione, il Comune può garantire: --l’associazione del logo/marchio/nome dello Sponsor a tutti i materiali di comunicazione e promozione delle iniziative/attività (eventuali manifesti, opuscoli, banner, pubblicazioni su quotidiani ed emittenti radiotelevisive, filodiffusione etc) in qualsiasi modo divulgati; la possibilità di precedere forme alternative di divulgazioni e diffusione del logo/marchio/nome dello Sponsor sulla base della proposta contenuta nell’offerta di sponsorizzazione; la visibilità sul sito istituzionale del Comune di Margherita di Savoia, nelle modalità stabilite dallo Sponsee; la visibilità delle attività sponsorizzate, nelle modalità stabilite dallo Sponsee, nella conferenza e comunicati stampa di presentazione; visibilità in caso di eventuali dirette radiotelevisive”; mentre, nel successivo articolo 12, è statuito che, “gli impegni dello Sponsor”, formalizzato il rapporto, avranno come obbligazione, in linea generale, la corresponsione del corrispettivo offerto, mentre, in sede di formalizzazione del contratto, è tenuto: ad individuare il logo con il quale intende sostenere la sponsorizzazione; a mettere a disposizione dell’amministrazione, a proprie spese, ogni strumento utile all’esatta e fedele riproduzione del logo; ad assumere tutte le spese relative al pagamento di imposte, canoni e corrispettivi previsti da leggi e regolamenti derivanti dall’esecuzione del contratto e dalla realizzazione delle attività sponsorizzate; a non creare forme di conflitto di interesse tra l’attività pubblica e quella provata oggetto della sponsorizzazione. Ove ciò si verificasse, l’amministrazione comunale si riserva la facoltà di recedere dal contratto, fatte salve le prestazioni già eseguite o in corso di esecuzione; a dare esecuzione al rapporto di sponsorizzazione in coerenza con gli interessi pubblici ed assenza di pregiudizio o danno all’immagine dell’amministrazione comunale o alle sue iniziative”.

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

Successivamente, con “Determinazione Dirigenziale” numero Generale 373 del 6 giugno 2024 (leggi, ndr) e numero Settoriale 71 del 5 giugno 2024, il “Responsabile dell’Area” del Comune di Margherita di Savoia, ha dichiarato che: “…….”, “Vista la manifestazione di interesse alla sponsorizzazione di eventi, che si intende riportata integralmente al presente atto, ancorché non allegata e (ndr, ma) depositato agli atti d’Ufficio competente, presentata a mezzo PEC - prot. n. 7778 del 30.05.2024 dal legale rappresentante dell’operatore economico ...omississ… con la quale si propone una sponsorizzazione finanziaria pari ad € 25.000,00 oltre IVA come per legge e se dovuta” …. “Visto il contratto di sponsorizzazione economica del valore di € 25.000,00 oltre IVA come per legge e se dovuta sottoscritto dall’operatore economicoomississin data 31 maggio 2024 allegato alla proposta, parte integrante di questo atto non allegato materialmente e depositato agli atti di ufficio”…. “determina” … “di dare atto che in virtù del contratto di sponsorizzazione economica, …omississ… (l’operatore economico) si impegna a versare il corrispettivo, direttamente alla P.A. o, (ndr, circostanza in contrasto con quanto previsto con l’avviso pubblico) ad accollarsi eventuali obbligazioni di pagamento di corrispettivi dovuti dalla stessa P.A., nei confronti di prestatori di servizi legati ad eventi, attività, manifestazioni ed iniziative da inserire nella programmazione delle manifestazioni estive 2024” … “di procedere alla pubblicazione del suddetto avviso all’Albo Pretorio e sul sito del Comune di Margherita di Savoia per 15 giorni consecutivi”.

ESECUTORIETÀ DELLA DETERMINAZIONE GESTIONALE

Pertanto, in virtù di quest’ultima condizione, la esecutorietà della Determinazione Gestionale di cui si è innanzi parlato verrebbe maturare il giorno 24 giugno 2024, essendo il giorno 23 domenica, tenendo in considerazione che essa è stata pubblicata il giorno 7 giugno 2024, come da attestazione del Responsabile dell’Albo Pretorio.

cronaca mar hub modulare 02

QUALIFICAZIONE DELL’HUB MODULARE

Pertanto, se da chissà chi fossero state rilasciate autorizzazioni o concessioni per la realizzazione della struttura modulare in relazione al contratto di sponsorizzazione di cui innanzi si è parlato, essa va qualificata illegittima in assenza di uno specifico impegno nello stesso contratto di sponsorizzazione.

OSSERVAZIONI E IRREGOLARITÀ

Le osservazioni che rinvengono dalla sopra riportata descrizione storica dei fatti ed estratta dagli atti depositati presso il Comune di Margherita di Savoia nonché dal Regolamento in vigore (leggi, ndr), non certamente a prescindere dalla irregolarità della inviata manifestazione di interesse alla sponsorizzazione, oltre che dalla immediatezza dell’invio della domanda di partecipazione alla richiesta di sponsorizzazione, e della eccessiva ristrettezza temporale per una efficace e serena consultazione degli atti pubblicati, e ancora meno dalla assoluta assenza di un ufficiale calendario degli eventi da pubblicizzare, si rileva che giammai è stato menzionato negli obblighi del Comune di Margherita di Savoia o nei diritti dello Sponsor la realizzazione di un hub.

RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE AUTONOMA

Inoltre, si fa rilevare che, qualora invece l’hub modulare fosse oggetto di una richiesta autonoma e diversa dal contratto di sponsorizzazione, poiché, oltre che gli strumenti urbanistici locali, il comma 8 dell’articolo 31 del regolamento comunale che disciplina la occupazione del suolo pubblico locale statuisce che: “non è consentita né l’installazione di dehors né l’occupazione di suolo pubblico in piazze pubbliche, ad eccezione di chioschi ed edicole già presenti sulle stesse ed autorizzati con regolare concessione”, non par dubbio che, quella struttura metallica su “piazza Libertà” appare essere stata illegittimamente realizzata per la impossibilità di ottenere autorizzazioni o licenze di sorta.

OCCUPAZIONE DEL SUOLO PUBBLICO

Pertanto, la occupazione del suolo pubblico, comunque essa avvenga, è vietata su tutte le piazze del Paese, che vanno immediatamente liberate. Oltre a tutte le esaurienti osservazioni già fatte da ogni intervenuto sull’argomento, si fa rilevare che quel “punto vendita/commerciale/espositivo”, appare ulteriormente una manifestazione di illegittima concorrenza con gli interessi dei locali operatori economici e, qualora illegittimamente non dovesse essere immediatamente rimossa, costituirebbe ulteriore presupposto di evoluzione di capitale che da Margherita di Savoia cadrebbe in favore di diversa realtà.

CARENZA DEI RAPPORTI COMMERCIALI

Notoriamente, le attività economiche operanti sul Nostro territorio soffrono la carenza dei rapporti commerciali; infatti, mentre durante il periodo invernale, questa situazione è anche causata per il degrado urbanistico in cui versa il Paese, unico esempio in Italia capace di non qualificare e valorizzare socialmente la preziosa naturale fonte economica del mare e della spiaggia, relegando inspiegabilmente il prezioso lungomare in un deprimente luogo abbandonato, nel periodo di balneazione, poiché il Paese appare lontano dai tratti di Paese turistico, proprio per la cronica assenza di efficace politica economica sul territorio, l’affluenza di vacanzieri, che dovrebbe costituire pertanto un importante input per lo slancio della economia locale incontra invece gli ostacoli della diffusa attività abusiva svolta a cielo aperto sul lungomare e sulla spiaggia per tutto l’arco della giornata.

CONCLUSIONE

Questi illegittimi fenomeni, inspiegabilmente da sempre tollerati e mai debellati, costituiscono seria causa dell’impoverimento finanziario e l’indebolimento dell’intero tessuto sociale. Le illegittimità o le irregolarità non possono continuare ad albergare a Margherita di Savoia, Paese invece meritevole di essere amministrato da persone capaci, competenti e miranti a risollevarne le sorti, per evitare di raggiungere il punto di non ritorno.»

Avv. COSIMO DAMIANO CRISTIANO