Selezione di 8 giovani per il servizio civile nazionale: botta e risposta tra opposizione e sindaco Puttilli

SAN FERDINANDO DI PUGLIA - Neanche le festività natalizie fermano le polemiche a San Ferdinando sulle selezioni di 8 giovani per il servizio civile nazionale; ed è botta e risposta tra il gruppo consiliare di opposizione (San Ferdinando democratica e popolare) e il sindaco Salvatore Puttilli.

Il 14 settembre 2017 vengono espletate le selezioni, ma le graduatorie vengono pubblicate il 10 ottobre, 27 giorni dopo. I consiglieri di opposizione chiedono a segretario e funzionari del Comune le motivazioni della mancata pubblicizzazione dell’esito delle prove nello stesso giorno che furono effettuate e di valutare l’annullamento, in autotutela, delle determine e di procedere a nuova selezione. La richiesta fu inviata per conoscenza al Dipartimento della gioventù e del servizio civile nazionale, presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri che, nel chiedere spiegazioni al Comune, sospese nel frattempo la procedura di approvazione della graduatoria.

Il 30 novembre l’amministrazione comunale ha preso atto della decisione e, annullata la procedura di selezione, ha ripubblicato il bando, con riapertura dei termini per la presentazione delle domande da parte dei giovani interessati.

“È di tutta evidenza - si legge su un notiziario del gruppo di opposizione - che siamo di fronte a un maldestro tentativo di violare i principi cardini della trasparenza, a tutela della legalità e buon andamento della pubblica amministrazione. Un pessimo modo di amministrare”, auspicando un intervento della magistratura penale per l’accertamento delle motivazioni della ritardata approvazione.

“Nel mentre il sindaco di questa città - afferma Salvatore Puttilli - subisce un preoccupante atto intimidatorio, l’opposizione, negli stessi giorni, distribuisce un “giornaletto” pieno di “verità di parte” e utile “solo all’autocelebrazione del nulla” che qualcuno ormai rappresenta”. “Questione di stile e di opportunità, ma anche su questo - ricorda con ironia il primo cittadino - gli elettori hanno già espresso, in maniera plebiscitaria, il proprio parere. Qualcuno se ne faccia una ragione. Andreotti ricordava che il potere logora chi non ce l’ha”. E intanto fa sapere che la Giunta municipale ha già deliberato nelle scorse settimane di querelare il gruppo di opposizione “a motivo della diffamazione subita ingiustamente dall’Ente e dai nostri funzionari”.

“Nello stesso tempo - conclude il sindaco Puttilli - sentito il funzionario del Dipartimento della gioventù e del servizio civile nazionale della Presidenza del Consiglio dei Ministri ed i suoi consigli, al fine di non rischiare, a seguito del “dubbio procedurale”, ricorsi e il blocco per anni della contrattualizzazione dei ragazzi, abbiamo, prudenzialmente e nel superiore interesse dei nostri giovani tutti, deciso di procedere in autotutela, riavviando le procedure in modo da favorire innanzitutto l’inserimento occupazionale dei ragazzi, scevro da ogni tipo di condizionamento e di contesa di carattere politico”.

GAETANO SAMELE

box cuor mare