Francesco Pinto festeggia i 100 anni tra passeggiate in bicicletta ed impegno per il prossimo

MARGHERITA DI SAVOIA - Ha compiuto 100 anni ma non li dimostra. Francesco Pinto, nato a Margherita di Savoia nel 1917, è un miracolo della natura. Sempre lucido, è autosufficiente, da tutti i punti di vista. Fa la spesa al mercato; sbriga le faccende in casa; fa passeggiate in bicicletta; va ogni giorno in chiesa per ringraziare il Signore, e, autenticamente cristiano, trova il tempo anche per far visita agli ammalati allettati. La nuora di uno di questi, un giorno, lo ferma per strada e dopo essersi presentata lo ringrazia per quello che fa. “Noi che abbiamo la fortuna di stare meglio - fu la sua risposta - abbiamo il dovere di essere vicino a chi soffre”.

Francesco - è forse questo il vero miracolo - si dedica al prossimo con semplicità e delicatezza “con un cuore generoso e traboccante d’amore per gli altri e per la vita”, come tengono a sottolineare tutti coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerlo.

Non è stata semplice la vita per Francesco, “salinaro doc”, e non solo per aver lavorato nella Salina. Ha dovuto affrontare momenti difficili come la partecipazione alla seconda guerra mondiale, ed eventi dolorosi come la perdita di sua moglie Addolorata Loffredo e quella di due figlie, Teresa e Concetta.

Nel giorno del suo 100esimo compleanno i figli Nella, Rino e Maria Teresa hanno voluto festeggiarlo con una santa messa nella parrocchia dell’Addolorata, stracolma per la circostanza, e, successivamente, con una cerimonia presso il Copacabana per il taglio della torta. Sull’uscio della chiesa è stato proprio Francesco a ricevere coloro che hanno inteso partecipare al rito sacro, celebrato dal parroco dell’Addolorata, padre Alberto Barbaro, dal vice, padre Alfredo Melis, e dal parroco di Maria Ausiliatrice, don Michele Schiavone.

Alla funzione ha preso parte anche il sindaco di Margherita di Savoia, Paolo Marrano, che, nel consegnargli una targa del Comune, ha ricordato il profondo legame di amicizia che legava suo padre a Francesco Pinto. Anche la Pro Loco cittadina ha inteso esprimere la propria gratitudine con la consegna di una targa da parte del presidente Gaetano Dipace “per aver fatto parte di un secolo di storia di Margherita di Savoia”. A chi gli chiede quale sia il suo “segreto” risponde: “quello di  aver vissuto la vita in maniera semplice e naturale”.

GAETANO SAMELE

box terme