San Ferdinando, l’Amministrazione comunale omaggia Vito Onofrio Sciancalepore in occasione dei suoi 100 anni

SAN FERDINANDO DI PUGLIA - Vito Onofrio Sciancalepore nasce a Molfetta il 6 ottobre 1920, figlio di papà Corrado e mamma Isabella, terzo di cinque figli (3 maschi e 2 femmine).

Trascorre i primissimi anni a Molfetta, poi con la famiglia si trasferisce a San Ferdinando di Puglia. 

Inizialmente per loro fu molto dura; sin da ragazzino, per contribuire al sostegno della famiglia, percorreva chilometri e chilometri a piedi per andare a lavorare a Margherita di Savoia. 

Vito Onofrio ha vissuto in prima persona la Seconda Guerra Mondiale combattendo sul fronte del Montenegro. Successivamente, all’età di 25 anni, si sposa con Giovina Petrignano. Trascorre tutta la vita lavorando nei campi e costruendo pozzi per l’irrigazione. Smette di lavorare nei campi all’età di 80 anni per godersi, con serenità, la sua vecchiaia.

“È stato un grande ed umile lavoratore, forte e coraggioso - ha dichiaro la figlia, Sabina Sciancalepore -. In qualità di figlia sento il dovere di dire che il mio papà è un grande uomo, nonché una brava persona che ha saputo donare tanto amore sia alla sottoscritta, adottandomi e trattandomi da figlia fin da subito senza mai farmi mancare nulla, che alle persone che lo hanno circondato e gli hanno voluto bene”.

“Questa sera (...il 6 ottobre scorso), a nome dell’Amministrazione comunale, ho partecipato ai festeggiamenti in onore del nostro concittadino Vito Onofrio Sciancalepore - ha dichiarato il sindaco Salvatore Puttilli -, omaggiandolo con una targa ricordo per l’importante traguardo raggiunto. Bella serata, bei momenti, emozioni pure ed autentiche, come autentica e affascinante è stata l’esperienza di vita di questi uomini, dediti alla famiglia, al lavoro e alla semplicità lungimirante che ha fatto progredire negli anni la nostra comunità”.

GAETANO DALOISO

box giardino mago