Marrano non è più il sindaco di Margherita di Savoia. Il commissario prefettizio guiderà la città fino al voto del 10 giugno

MARGHERITA DI SAVOIA - Tempo scaduto per i ripensamenti. Ieri, 30 aprile, sono trascorsi i 20 giorni che la normativa concedeva al sindaco per ritornare sui suoi passi e ritirare le dimissioni, rassegnate il 10 aprile scorso.

Dunque, da oggi l’iter procede con la nomina in tempi brevi, da parte del Prefetto BAT Antonietta Cerniglia, di un commissario ad acta che traghetterà l’amministrazione verso le imminenti elezioni comunali del 10 giugno prossimo.

Riflettendo sulla concreta possibilità che questi giorni trascorsi potessero davvero servire come pausa di riflessione transitoria, dobbiamo concludere che, di fatto, realisticamente non c’erano margini per una revoca delle dimissioni: in Consiglio comunale alla maggioranza sarebbero comunque mancati i numeri per proseguire nell’attività di governo cittadino e, inoltre, gran parte dei consiglieri aveva già in cantiere l’opzione di sottoscrivere una mozione di sfiducia. Quindi, a conti fatti, la strategia migliore è parsa al generale Marrano quella di mettere un punto fermo alla sua esperienza amministrativa e guardare già al futuro. Un futuro che lo vedrà subito nuovamente attivo sul fronte politico, con la riproposizione della sua candidatura a primo cittadino alla guida della lista civica “Per il Bene Comune”, nonostante le defezioni di alcuni importanti suoi ex candidati di punta.

YLENIA NATALIA DALOISO

box bitrigas