Associazione Orizzonti: «Attrezzare a San Ferdinando un hub di vaccinazione. Il sindaco si faccia sentire»

SAN FERDINANDO DI PUGLIA - «La lotta alla pandemia si vince se ognuno fa la propria parte senza invadere il campo, senza le furbate delle vaccinazioni a chi capita, o senza le porcate che vediamo nelle regioni Sicilia o Lombardia.

All’Europa tocca il compito di far arrivare a destinazione i 50 milioni di vaccini prenotati nel prossimo trimestre Aprile-Giugno.

Al Governo tocca presidiare quella fornitura con tutte le strutture necessarie di logistica e di regole, perché l’ordine di età è una regola, come quella dei pazienti fragili e degli stretti congiunti o caregiver.

Alle Regioni spetta il compito di veicolare sul territorio, attraverso le ASL, il piano vaccinale, anche impartendo più strette regole per non lasciare sole le persone infette a casa, attraverso il pieno coinvolgimento di USCA e Medici di Medicina Generale, ed alimentando un corretto tracciamento per tenere più efficacemente sotto controllo il contagio.

Alle Prefetture e ai Sindaci spetta il compito di censire e mettere a disposizione le strutture dove effettuare la vaccinazione.

Nella nostra Città abbiamo molte strutture idonee a questo scopo, da ultimo si è aggiunto il Palazzetto dello Sport, appena consegnato.

In attesa che venga utilizzato per lo scopo precipuo, potrebbe essere utilizzato per essere un hub di vaccinazione.

Spostare o attrezzare un hub è meno oneroso che far spostare 10 mila persone che avrebbero un andamento di vaccinazione più lento e meno efficace. Chiediamo al Sindaco di usare la prerogativa di autorità di sanitaria locale per farsi sentire.

In questo modo potremo gradualmente svuotare gli ospedali, proteggere le persone più anziane e fragili, far ripartire la scuola e riaprire le attività commerciali ed economiche in sicurezza.»

Associazione Orizzonti (San Ferdinando di Puglia)

blocco leginestre