Galiotta: «Ai commercianti hanno detto che “c’ero anch’io”, ma le decisioni erano solo del sindaco. La mia uscita dal Comitato è corretta»

MARGHERITA DI SAVOIA - «È proprio vero: “Tanti nemici tanto onore”!

Resto alquanto basita nel leggere il comunicato a firma del Comitato di Salute Pubblica (leggi, ndr), per quanto scritto e nel prendere atto che tra Maggioranza, Opposizione e Comitato siamo 16 contro una.

Ma questo fa parte della Politica, mi adeguo e vado avanti.

Per tutti quelli che fanno finta di non voler capire, lo spiego in italiano.

La mia uscita dal Comitato di Salute Pubblica è corretta nei tempi e nei modi.

Durante la riunione del Comitato del 12 marzo scorso, il Sindaco ha messo a conoscenza i partecipanti all’incontro delle SUE decisioni.

Non è stata data copia dell’ordinanza ai presenti e tantomeno letta, ma semplicemente riassunta in poche parole.

Nella stessa ordinanza tra visto, rilevato, letto non è stato scritto da nessuna parte che il Comitato di Salute Pubblica era d’accordo su quanto scritto.

Esiste un verbale a firma della sottoscritta di presa visione di quanto deciso durante la riunione? Chiaramente no, perché la decisione era già stata presa.

Esco dal Comitato perché chi ha deciso l’ordinanza, a fronte delle tante rimostranze da parte dei Commercianti, ha pensato bene di dire: “però c’era la Galiotta…, anche Lei ha deciso”.

Troppo comodo sig. Sindaco…, a Lei gli applausi e agli altri i “calci”.

E di “calci”, LEI, me ne ha dati tanti.

Non consento a nessuno di strumentalizzare il mio nome, lo avete fatto abbastanza.

Non vi rammaricate, credetemi, vi scoppia il fegato.

Vi dovete convincere che non mi servono “speculazioni politiche”, come voi le chiamate, per avere visibilità.

I miei consensi hanno un nome e un cognome, per il semplice fatto che non ho debiti con nessuno.

I Salinari mi apprezzano per come sono e non per quello che potrei essere grazie alla politica.

Non mi servono poltrone per ricevere i saluti dalla gente e non mi servono “like” su Facebook per dormire tranquilla.

Siete patetici!

Sono semplicemente Grazia Galiotta e ne sono fiera.»

GRAZIA GALIOTTA (Consigliera comunale)

box zingrillo