Margherita, riapre la storica sede PD. Mennea ai giovani: «È l’inizio di una rivoluzione». E poi l’affondo: «Da tempo questa città non viene governata»

Margherita, riapre la storica sede PD. Mennea ai giovani: «È l’inizio di una rivoluzione». E poi l’affondo: «Da tempo questa città non viene governata» Margherita, riapre la storica sede PD. Mennea ai giovani: «È l’inizio di una rivoluzione». E poi l’affondo: «Da tempo questa città non viene governata»
Watch the video

MARGHERITA DI SAVOIA – Nel pomeriggio, il Partito Democratico locale è tornato nella sede storica di via Africa Orientale, ampliata e rimodernata. (Foto)

«È un momento importante per il nostro partito - ha dichiarato Emanuele Quarta, segretario del Pd locale -. Riapre una delle sedi più importanti del nostro territorio, la sede storica del Partito Democratico. Abbiamo di fronte a noi una campagna elettorale difficile, una campagna elettorale che si concentra in quindici giorni. Abbiamo la possibilità di dare rilievo e importanza a questo territorio dando supporto al Partito Democratico e ai candidati del Pd. La nostra scelta - con l’importante apporto del gruppo Insieme Margherita - è stata quella di sostenere Ruggiero Mennea, perché è stato presente su questo territorio. Abbiamo candidato anche un nostro riferimento politico territoriale, Annalisa Amorosini, professionista impegnata nel settore scolastico e stiamo cercando di produrre tutti gli sforzi affinché questo territorio riesca a risollevarsi, riesca a creare una alternativa politica sia territoriale che regionale. Non possiamo fermarci in questo momento. Questo è il momento del massimo sforzo: dobbiamo concentrare tutte le forze su Ruggiero Mennea, perché Ruggiero rappresenta in questo momento la figura migliore del nostro territorio». (Video)

«Oggi c’è stata l’inaugurazione della nuova sezione del Partito Democratico a Margherita di Savoia - ha aggiunto il coordinatore di Insieme Margherita, Vitantonio Leone. È stato un momento molto emozionante, a seguito di una scelta molto meditata quella del gruppo Insieme Margherita di unirsi al PD, perché è un partito che ha sempre fatto politica e continuerà a fare politica. Quello che serve a Margherita di Savoia è un ritorno alla politica. Abbiamo avuto anni bui, durante i quali sono mancati la politica, il dialogo e la convivenza pacifica. Noi vogliamo riportare tutto ciò a Margherita di Savoia: convivenza pacifica, dialogo costruttivo e non distruttivo». (Video)

Vibranti le parole che il candidato Ruggiero Mennea ha rivolto ai tanti giovani presenti nella nuova sede PD: «Sta nascendo una nuova idea di fare politica, dove stare insieme non significa avere la convenienza a fare qualcosa, ma essere coerenti con un’idea. L’idea è quella di dare una classe dirigente degna di questa città. Perché, guardate, io non tengo tanto all’effetto che questo risultato può avere su di me, sulla mia campagna elettorale, sulla mia elezione, quanto invece sull’impatto che potrà avere nella città di Margherita di Savoia. Perché da troppo tempo questa città non viene governata. Questa è una città dove chi vince comanda. E non si fa così!

Se vuole crescere un paese, una comunità, bisogna fare in modo che la condizione precedente venga migliorata. Come si migliora? Si migliora con i grandi processi, con le strategie vincenti, con la valorizzazione delle risorse che stanno qui, su questo territorio ricchissimo. Forse chi comanda non si rende conto di quello che ha nella sua città, nella città che comanda. Qui c’è una miniera d’oro, non solo sul lato mare ma anche dall’altra parte. Mi riferisco alle saline di Margherita, che tutti tentano di oscurare, di tenere fuori dalla partita politica, di fare in modo che non si accendano i riflettori, perché sottobanco qualcuno se le vuole svendere.

E invece questo momento deve essere l’inizio di una rivoluzione, una “rivoluzione gentile” diceva il mio amico Nichi Vendola. Deve essere una rivoluzione culturale che deve essere spinta dai giovani soprattutto, perché voi potete rimanere qui e potete stare benissimo, solo se qualcuno invece di comandare si mette a governare. Probabilmente sarete voi il futuro di questa città, dove al centro – se fossi il candidato sindaco di Margherita di Savoia – io avrei un programma con un solo punto, solo quello: trasformare le saline di Margherita in una grande industria che produce sviluppo, produce occupazione, lavoro e soprattutto tutela l’ambiente. Perché se c’è qualcuno che ha pensato di togliere il sale e mettere il cemento… non lo farà! Se sto io ancora in Regione, ma anche se starete voi, io vi supporterò sempre: questa cosa non si farà mai!

Lo strumento per vincere è la politica. Non credete a quelle persone che vi dicono che sono tutti uguali, che non cambia niente, che non vale la pena. No! Voi dovete credere che può cambiare questa città e il vostro futuro se voi fate un passo avanti ed entrate nel campo di gioco della politica e non vi fate spaventare da chi urla. Voi immaginate: uno che rappresenta una città e urla è una persona insicura, una persona che tende a nascondere la verità. E allora se uno urla, voi dovete urlare ancora di più, perché voi avete diritto di decidere per il vostro futuro, non chi il futuro ormai l’ha messo alle spalle e ha interesse solo a galleggiare e a portare consensi a chi probabilmente è come lui, o peggio di lui. Perché questa è una città che rischia molto, io lo dico ai giovani: non consentite a nessuno di mettere le mani su questa città; a qualcuno, anche a qualcuno che viene da fuori, perché mette le mani sul vostro futuro, lo soffoca!»

Redazione CorriereOfanto.it