“La doppia morale della Galiotta: 652 euro per ritirare la Bandiera Blu. Perché non ha provveduto con la sua indennità, come richiesto in passato?”

MARGHERITA DI SAVOIA - «Sig. Sindaco, con la Determinazione gestionale n.417 del 6 giugno 2019 due assessori, Grazia Galiotta e Francesca Santobuono, recatesi a Roma, per ben due giorni, per ritirare la “Bandiera Blu” per l’anno 2019, è stata liquidata la somma di euro 652,30 e previa rendicontazione a posteriori. Invece, dovrebbe essere l’esatto contrario. Preciso in merito che due assessori della passata amministrazione, Angela Cristiano e Michele Damato, si sono recati a Roma per ben quattro volte, anni 2014-2017, per ritirare la “Bandiera Blu”, con l’auto del Comune (una Fiat Punto a metano), partendo in prima mattinata e rientrando nel primo pomeriggio; non hanno mai chiesto liquidazione di spese per pernottamento, ristorante, ecc., ma solo il rimborso del pedaggio autostradale. Questo risparmio viene chiamato AUSTERITÀ PUBBLICA.

DUE PESI E DUE MISURE - L’assessore Grazia Galiotta, quando era consigliere comunale di minoranza, in un suo articolo del 10.9.2016, rimproverava il Sindaco e l’assessore alle attività produttive, rispettivamente Gen. Paolo Marrano e avv. Michele Damato, i quali  avevano chiesto la liquidazione del rimborso delle spese per la complessiva somma di euro 1.572,50, per essersi recati a Berlino in occasione della Fiera dell’Agricoltura (non a Roma) dal 3 al 5 febbraio 2016 e dichiarano che il Sindaco poteva pagare le spese anche con l’indennità di un mese. Lei perché non ha provveduto con la sua indennità come richiesto due anni fa? Questo viene chiamato DISPENDIO DI SOLDI PUBBLICI. Ieri moralista sugli altri, oggi? Sulla morale Giulio Andreotti diceva: “Io distinguerei le persone morali dai moralisti, perché molti di coloro che parlano di etica a forza di discuterne non hanno poi il tempo per praticarla”.

ANNULLO FILATELICO - Sig. Sindaco, con enfasi, il 9 giugno u.s. lei ha diramato un comunicato stampa con il quale ha comunicato al popolo che con urgenza aveva risposto alla richiesta dell’Amministrazione Provinciale Barletta-Andria-Trani, con la quale chiedeva l’effige del Comune per inserirlo nell’annullo filatelico speciale promosso da Poste Italiane in occasione della ricorrenza del decimo anniversario della costituzione della Provincia Barletta-Andria-Trani.

Sig. Sindaco, le ricordo che con Decreto 23.1.2014, pubblicato sulla G.U. n.39 del 17.2.2014, fu autorizzata, in seguito ad alcuni incontri istituzionali e all’interessamento del Direttore delle Poste dell’agenzia di Margherita di Savoia, Michele Cristiano, l’emissione di cinque francobolli ordinari appartenenti alla serie tematica “Il Patrimonio naturale e paesaggistico” dedicati al turismo, fra cui uno riguardava il nostro Comune con la seguente descrizione: “Una salina ed alcuni fenicotteri a rappresentare il caratteristico paesaggio del territorio comunale”, quindi, solo Margherita di Savoia e non come unità insieme agli altri. Mancanza di memoria (politica).

LA CIRCONVALLAZIONE PROMESSA - Sig. Sindaco, i Sindaci dei Comuni di San Ferdinando di Puglia e Trinitapoli, hanno chiesto con fermezza più attenzione da parte dell’Amministrazione provinciale ai loro territori, nonché una urgente manutenzione delle strade provinciali da parte della stessa; a tal proposito il Sindaco Francesco di Feo  ha richiamato una antica promessa fatta dall’Amministrazione provinciale per la costruzione della circonvallazione per Margherita di Savoia, promessa non mantenuta da parte della Provincia e ha riferito che altri Comuni della Provincia hanno ricevuto fondi per la sistemazione delle strade, ecc.. In un mio precedente articolo, invitavo la nostra (dis)amministrazione comunale ad intervenire presso gli uffici provinciali per chiedere un intervento fattivo di manutenzione e sistemazione delle strade provinciali facenti parte del nostro territorio e ciò per assicurare una sicurezza stradale stante anche l’approssimarsi della stagione estiva. Perciò un grazie al Sindaco di Feo per aver ricordato la circonvallazione di Margherita di Savoia.

In merito, le ricordo Sig. Sindaco che, con nostra nota del 17 ottobre 2013 si faceva richiesta alla Regione Puglia di un finanziamento per opera infrastrutturale per la circonvallazione a servizio dell’abitato di collegamento tra le strade provinciali SP n.5, SP n.13 ed SP n.14 per Trinitapoli. Di seguito, con deliberazione del Consiglio Comunale n.37 del 27.11.2013, si procedeva alla classificazione della strada comunale che estende a sud dell’incrocio SP n.5 per Barletta a Nord della zona Torretta a strada Provinciale e con invito alla Regione Puglia per il tramite la Provincia BAT di declassificare tale strada da comunale a provinciale, ecc. Con nota del 20 novembre 2013 si inoltrava istanza alla Regione Puglia per l’attivazione della procedura di classificazione di tale strada da comunale a provinciale, con allegata la citata delibera e gli strumenti urbanistici necessari. Uguale richiesta veniva inoltrata all’Amministrazione provinciale in data 6 dicembre 2013. In merito ricordo a lei e alla sua amministrazione “forte e coesa” che il Sindaco, Gen. Paolo Marrano, dopo vari interventi presso le varie istituzioni interessate, finalmente con propria ordinanza sindacale n.50 del 22.12.2016 vietava l’entrata in Paese del traffico pesante, superiore a 7,5 tonnellate. Di questo divieto si parlava da oltre 60 anni, compreso il periodo in cui lei ha fatto due volte il Sindaco. Purtroppo, per lei, Marrano ci è riuscito; infatti, oggi tali camion, esclusi quelli autorizzati, non attraversano il Paese se non arbitrariamente, dovuto alla scarsa vigilanza.

Poi è arrivata la famosa legge “Delrio”, la n.56 del 7.4.2014 riguardante l’abolizione delle province e di seguito lo scellerato referendum del 14.12.2016 (bocciato) voluto da Matteo Renzi; a questi due sarebbe necessario dargli il “foglio di via dall’Italia” per lo sfacelo istituzionale che hanno creato. Quindi, le richieste di cui sopra sono rimaste ancora prive di riposta

EX MAGAZZINO NERVI - Lei, forse, è più impegnato ed interessato ad assicurarsi la poltrona di Presidente della Provincia BAT per meglio adagiarsi su una poltrona per un riposo anatomicamente più funzionale. Auguri per le sue parti anatomiche. Infatti, nel suo comunicato stampa del 13 giugno u.s. si è beato della venuta a Margherita di Savoia del Presidente arcobaleno o multicolore della Regione Puglia e/o il Sindaco della Regione Puglia - come lui stesso ama definirsi - per assistere al passaggio di consegne dell’ex magazzino “Nervi” dal Demanio dello Stato al Comune. Questa occasione sarebbe stata quella giusta per chiedere un intervento per finanziare la circonvallazione (se non l’ha già fatto), ma forse eravate impegnati alle strategie di come meglio ingrossare (di voti) qualche partito, più attento alle nomine per raccogliere voti che alla soluzione dei problemi, vedasi xilella, sanità, ambiente ecc., un Presidente più parolaio che deliberante, come definito da alcuni suoi assessori regionali. 

LA TRASPARENZA SBANDIERATA - Sig. Sindaco, ho riletto il suo programma elettorale e faccio riferimento allo sbandierato riferimento alla trasparenza, che così recita (solo recita): “istituzionalizzazione del meccanismo della democrazia partecipata, attraverso la quale ogni cittadino potrà formulare proposte e APPLICAZIONE E RISPETTO DEI REGOLAMENTI COMUNALI”. Com’è possibile se viene negata l’applicazione degli art.38, e principalmente 43, 77, 78, ecc. del TUEL e gli artt. 8, 46, 62, 63 ecc. del Regolamento del Consiglio Comunale, quelli in particolare che riguardano le modalità e il tempo per il rilascio dei documenti in favore dei consiglieri comunali, ai quali viene concesso il rilascio agli stessi al limite dei 30 giorni e quindi in netto contrasto con le stesse leggi e regolamenti e come appreso dagli organi di stampa. Sindaco si RAVVEDA, per il buon nome della legalità e della trasparenza, non fate i negazionisti.

IL MERCATO SETTIMANALE - Nell’azione n.3, lavoro ed attività produttive: RIDURRE IL MERCATO SETTIMANALE A GIOVEDÍ ALTERNI, A PARTIRE DAL 15 GIUGNO AL 15 SETTEMBRE DI OGNI ANNO. Da quando? L’assessore al commercio studia per l’applicazione di questa riduzione che darebbe fiato alle nostre attività commerciali, o cosa?

DIFESA DALL’EROSIONE MARINA - Il progetto, con relativo finanziamento di euro 2.500.000, langue presso gli uffici della Regione.

LA RESIDENZA SOCIO-SANITARIA - Nell’azione socialità: “PROGETTAZIONE DI UNA RESIDENZA SOCIO-SANITARIA ASSISTENZIALE, COSIDDETTA R.S.S.A, CON ALMENO 40 POSTI LETTI”. Se a voi non interessa la costruzione della “Città del Salute”, già finanziata, come fate a finanziare questa R.S.S.A.?

TURISMO ED INFRASTRUTTURE - Azione 6: CREAZIONE DI NUOVE AREE DI PARCHEGGIO (autosilos - il cui significato è: stoccaggio di prodotti granulari o di macchine - forse voleva dire autosilo) a cosa serve? Considerato che ci sono quattro zone destinate a parcheggio, di cui una con guardiania, oltre al piano delle strisce blu di cui il Paese è pieno, forse volete rendere il Paese solo un’area di parcheggio, e a beneficio di chi?

LA PISTA DI PATTINAGGIO - Azione socialità: RIQUALIFICAZIONE AREA EX PISTA PATTINAGGIO E TRASFORMAZIONE IN “PLAYGROUND AREA”. Non sapevo il significato, che in inglese significa genericamente “campo da gioco” o “parco giochi”; è un campo da gioco all’aperto per pallacanestro, realizzato generalmente in asfalto o cemento, quindi, a libero ingresso e senza limitazione di tempo. Invece, avete dato in gestione, pertanto, ai cittadini e ai turisti è vietato il libero accesso per la fruizione gratuita di questi spazi, solo a pagamento, il contrario di quanto accade nelle vere “playground area”, inglesi o americane che siano, in quanto spazi liberi a tutti.

Abraham Lincoln, 13° Presidente U.S.A., diceva: “Non dobbiamo promettere ciò che non dovremmo, per non essere chiamati a svolgere ciò che non possiamo”.

LE PORTE GIREVOLI - Sig. Sindaco la segreteria S.E.L.  (di cui lei in quel periodo faceva parte, ora non so) in un articolo del 24.2.2016, accusava l’amministrazione di porte girevoli. La sua amministrazione l’ha presentata come l’Amministrazione della svolta. Infatti, svolta senza cambiamenti, senza idee e programmi; svolta sempre in fai da te o in porte girevoli, ma quando svolta nell’interesse generale e della cittadinanza?

C'è un vecchio proverbio salinaro, che riporto in italiano: “Chiacchiere e tabacchino di legno, il Banco di Napoli non si impegna”. Le ricordo Sig. Sindaco che nessuno promette tanto come quello che non materrà.

Ricordo che il già consigliere comunale di minoranza, oggi assessore, Grazia Galiotta, con riferimento ad alcuni suoi articoli del 22.1 e 29.1.2017, date più vicine a quella odierna, chiedeva le dimissioni dell’amministrazione Marrano.

Purtroppo, quando incompetenza e superficialità si incontrano è la fine. Pertanto SCIATAVINN!!!

Cordialità.»

RAFFAELE RUTIGLIANO (Salinaro e componente provinciale del movimento “Noi con l’Italia”)

box casaltrinita