“TARI! TARI! TARI!, è attacco alla comunità salinara. Tra promesse elettorali disattese, minoranze silenziose e sogni di presidenza BAT”

MARGHERITA DI SAVOIA - «Sig. Sindaco, assessore all’ambiente e amministrazione “forte e coesa”, mi pregio ricordarvi che il messaggio in codice da parte dei piloti giapponesi che indicava la riuscita del loro attacco aereo “a sorpresa” - a loro dire -, senza il preventivo avviso della dichiarazione di guerra (quindi “a tradimento”), alla base navale U.S.A. di Pearl Harbor del 7 dicembre 1941, era “TORA! TORA! TORA!”; il vostro codice di attacco alla comunità salinara è “TARI! TARI! TARI!”.

Anche chi tradisce, purtroppo, fa la storia.

L’AUMENTO DELLA TARI E LE PROMESSE ELETTORALI DISATTESE - Infatti, il Consiglio comunale con proprio atto n.13 del 28 marzo 2019 ha aumentato la TARI del 6%, quindi, riuscendo contemporaneamente ad aumentare la tassa sui rifiuti e le bugie. Secondo il report del Comune, nel mese di aprile vi è stato un -6% della raccolta differenziata: si è passati dal 50% al 44%, purtroppo per tutti noi.

È d'obbligo ricordarle la sua ultima campagna elettorale, durante la quale, unitamente all’assessore all’ambiente, nel comizio tenuto in Piazza Libertà, a cui ero presente, vi siete accalorati a giurare e promettere che avreste abbassato la TARI e con la sicurezza dei BUGIARDI. Nei suoi articoli pubblicati su questo giornale (26.8.2017, 10.5.2018, 1.4.2019), addossava principalmente al sindaco e agli assessori - oggi in religioso silenzio - all’ambiente dell’epoca, l’aumento della TARI degli anni passati ed in particolare in un articolo precedente agli altri - quello del 22.9.2015 - così tuonava: “Carpita la buona fede dei cittadini con promesse propagandistiche. Ora si presti orecchio alle istanze dei cittadini”, ove fra l’altro chiedeva le dimissioni dell’ex sindaco Marrano. Provveda. Le ricordo il suo comunicato stampa dell’1.4.2019 reso unitamente al vice sindaco Grazia Galiotta, in cui diceva “fake news” in merito all’aumento della TARI. Siete dei negazionisti!

LEGAMBIENTE SGRADITA - Sembra strano che un’amministrazione così attenta all’ambiente (a suo dire; a mio parere più attenta al “triccheballacche”), non sia intervenuta alla manifestazione del 31.5.2019 che aveva come tema “Spiagge e fondali puliti - Clean up the med”, come la mancata accettazione della proposta per l’emissione di una ordinanza sindacale per bandire la plastica sul territorio (vedi direttiva del Consiglio Europeo divieto al consumo entro il 2021, approvata dal Parlamento Italiano nella seduta del 27.3.2019, nonché, la determinazione del dirigente all’ambiente della Regione Puglia del 5.4.2019, n.251, di approvazione e pubblicazione dell’ordinanza balneare anno 2019 ove vieta l’uso della plastica nei lidi balneari). Forse l’assenza è dovuta al fatto che la manifestazione è stata organizzata, e la proposta è stata inoltrata, dall’associazione locale “Legambiente”? Forse l’associazione non è nelle considerazioni dell’amministrazione? Forse perché tale associazione, esprimendosi liberamente (come ha sempre fatto, anche in passato) ha manifestato un pensiero diverso dall’amministrazione, e quindi colpevole del peccato di lesa maestà?

In merito, le ricordo che l’assessore all’ambiente, Grazia Galiotta, ha partecipato, nella sua qualità di assessore all’ambiente e non come privato cittadino, alla raccolta dei rifiuti abbandonati sulla pista ciclabile, organizzato dalla locale associazione Legambiente (il 6 e 7 aprile) per l’evento “Walk, watch & Clean”: dal cimitero di Margherita di Savoia fino all’immissione alla strada detta “La Mandriglia” e/o strada “Parente” del territorio del Comune di Trinitapoli, intervento documentato con comunicato del 9.4.2019 su altro giornale locale e con tanto di fotografia di immagine allegra e gioiosa dell’assessore all’ambiente. Quindi si preferisce partecipare alla raccolta dei rifiuti su territorio di altro comune che sul proprio territorio. Mi chiedo: se alcuni amministratori non sanno le nostre delimitazioni territoriali come fanno a governare la propria comunità?

QUESTIONE FINANZIAMENTI - Ricordo all’assessore all’ambiente, Grazia Galeotta, il suo articolo del 2.11.2015, pubblicato su questo giornale, ove, tra l’altro, accusava l’amministrazione, a suo dire, di aver perso un finanziamento per la rimozione di rifiuti illecitamente abbandonati e recuperato grazie ad un intervento del consigliere regionale Caracciolo.

Vi segnalo la perdita di un finanziamento per mancata partecipazione, bando della Regione Puglia di cui alla determinazione del dirigente del 19.3.2019 n.62, “avviso rivolto ai comuni pugliesi per la presentazione di domande di finanziamento per la promozione delle ecofeste”, la cui graduatoria di 257 comuni è stata pubblicata con determinazione del dirigente n.114 del 21 maggio 2019: il Comune di Margherita di Savoia non è incluso. Tra l’altro questo finanziamento era finalizzato all’organizzazione di manifestazioni di “triccheballacche” a voi molto care. Ove, per disguido vi fosse sfuggita, segnalo la L.R. n.28.12.2018 n.67, artt.11, 12, 39, 47 e 56, riguardanti i futuri finanziamento sui rifiuti, impianti sportivi, aree adibite al mercato, ecc.

Promesse elettorali che non manterrete: come aver promesso la costruzione di un porto in montagna e il traforo di una galleria al mare.

Purtroppo, ogni cinque anni gli elettori fanno la loro croce; dopo la devono portare.

Confucio, filosofo dell’antica Cina, diceva: “Quando le parole perdono il loro significato gli uomini cominciano a perdere la loro libertà”.

LA PRESIDENZA BAT E IL MANDATO DA SINDACO - Sig. Sindaco, un invito anche se non richiesto: non avanzi la richiesta per la presidenza della Provincia BAT. La presidenza della Provincia, ente svuotato di ogni significato amministrativo e ormai solo rappresentativo, non ha di certo portato positività ai precedenti Presidenti. Nel suo comunicato stampa ha dichiarato che è una falsa notizia e di essere “uomo che non tradisce la parola data”. Le ricordo che lei ha dato la parola alla nostra comunità per amministrare solo questa. Non contravvenga alla parola data. Senza scomodare la Bibbia, non si può vivere contemporaneamente con la moglie e l’amante. Non soddisfi, eventualmente, il suo “ego” politico e non assommi poltrone e incarichi, non si faccia portatore di una doppia morale; infatti, l’indimenticabile Sandro Pertini, Presidente della Repubblica Italiana, diceva: “Non esiste una moralità pubblica e una moralità privata. La moralità è una sola, perbacco, e vale per tutte le manifestazioni della vita e chi approfitta della politica per guadagnare poltrone o prebende non è un politico. È un'affarista, un disonesto”. Credo che non sia la sua doppia morale.

Eventualmente per tale incarico può contare sul supporto oltre che della sua maggioranza “forte e coesa” anche di una parte della minoranza silenziosa “forte e coesa” alla maggioranza.

LA MINORANZA SILENZIOSA - Una parte dei consiglieri/e di minoranza i cui protagonisti sono passati dall’essere suoi “nemici politici” prima e durante l’ultima campagna elettorale, oggi sono, forse, in attesa di qualche poltrona, forse perché stanchi di stare nei banchi della minoranza, tanto è quanto si evince dai comportamenti durante le riunioni del Consiglio comunale e per non parlare del loro silenzio assordante. Il ruolo della minoranza è ben altro.

Le ricordo ancora un suo articolo del 2016, dove addirittura paragonava il già consigliere/a di minoranza, che ancora oggi siede nei banchi della minoranza, di masochismo e accostandolo/a a “Tafazzi” il comico masochista della trasmissione di “Mai dire goal”. Si può anche cambiare l’idea politica, dimostrando però chiarezza e onestà politica nei confronti della popolazione; purtroppo, per egoismo manca questo buon esempio alla politica nostrana. Questa non è politica, è “pornografia politica”. Le rammento, come già scritto precedentemente, meglio un “nemico sincero” che un “amico interessato”.

Per ultimo, le ricordo, ancora una volta, le parole di Abraham Lincoln: “Potete ingannare tutti per qualche tempo, o alcuni per tutto il tempo, ma non potere prendere per i fondelli tutti per tutto il tempo”.

Distinti saluti e buon lavoro.»

RAFFAELE RUTIGLIANO (Salinaro e componente del comitato provinciale del movimento “Noi con l’Italia”)

box bar fiamma