Il punto sui primi dieci mesi di amministrazione Lodispoto: «Tanto è stato fatto, ma tanto c’è ancora da fare»

MARGHERITA DI SAVOIA - L’amministrazione comunale di Margherita di Savoia mantiene l’impegno di rendicontare periodicamente il proprio operato e, a dieci mesi di distanza dal proprio insediamento, incontra i cittadini - che hanno partecipato in buon numero all’incontro, trasmesso anche in diretta streaming sui canali social del Comune (guarda, ndr) - per illustrare quanto è stato fatto sino ad ora e per indicare i prossimi obiettivi dell’azione amministrativa.

IL PUNTO DELLA SITUAZIONE - Il sindaco di Margherita di Savoia avv. Bernardo Lodispoto, accompagnato da tutti i componenti della Giunta Municipale e dai consiglieri di maggioranza, ha fatto il punto della situazione: «Sono stati 300 giorni durissimi e molto impegnativi per la nostra comunità: vorrei ricordare a chi fa facile demagogia che stiamo amministrando questo paese con una manovra di riequilibrio finanziario tuttora in corso, con un personale ridotto all’osso e in un momento di forte tensione sociale, contraddistinto non solo da un elevato tasso di disoccupazione ma anche da una emergenza abitativa determinata anche da scelte sciagurate del passato. Eravamo consapevoli che avremmo dovuto misurarci con una situazione complicata, anche se forse non ci aspettavamo che lo fosse sino a questo punto: ma stiamo operando nell’interesse della nostra comunità grazie all’impegno di una squadra forte e coesa, libera da ogni tipo di condizionamento, che ci aiuta ad andare avanti nonostante le difficoltà».

I LAVORI PUBBLICI - Il primo argomento toccato dal sindaco Lodispoto riguarda i Lavori Pubblici. Con una premessa: «Tenendo conto che, come detto, il nostro Comune è tuttora vincolato alla manovra di riequilibrio finanziario e che quindi non può assumersi l’onere di contrarre mutui, l’unica possibilità è quella reperire finanziamenti pubblici: la nostra amministrazione ha richiesto un finanziamento pari a 2 milioni e 400mila euro per la realizzazione di un polo per l’infanzia a Città Giardino/Isola Verde, un milione e mezzo di euro per il rifacimento delle strade e di tutta l’area mercatale, 340mila euro per l’istituzione di un Museo Archeologico del Mare (che sarà il secondo in Italia) a Torre Pietra e altri 238mila per la videosorveglianza del lungomare, delle piazze principali del paese e delle vie d’accesso alla città. Dopo cinque anni in cui era stata abbandonata ad uno stato di totale degrado, abbiamo provveduto a bonificare l’area della pista di pattinaggio che a partire dalla prossima settimana sarà interessata da lavori di riqualificazione del sito per la realizzazione di una Playground Area. A breve avranno inoltre inizio i lavori per la messa in sicurezza delle strade in modo da essere pronti per l’inizio dell’estate con un nuovo look, soprattutto nelle tre vie d’ingresso a Margherita di Savoia, e per presentare un paese un po’ diverso per quanto riguarda l’arredo urbano».

Anche per l’edilizia scolastica, precisa Lodispoto, sono stati ottenuti finanziamenti importanti: «Purtroppo nel nostro paese abbiamo istituti scolastici molto datati e dobbiamo intervenire per la messa in sicurezza: per il plesso “Papa Giovanni XXIII” e la scuola media “Pascoli” ci siamo attivati per l’esecuzione di lavori dall’importo di 116mila e 168mila euro, rivenienti dalla passata amministrazione e non ancora utilizzati, ed abbiamo ottenuto, proprio in questi giorni, un ulteriore finanziamento di 104mila euro dalla Regione. Il plesso di Zona Armellina sarà a sua volta interessato da lavori di messa in sicurezza durante il periodo di Pasqua. Per quanto riguarda il Plesso Galante sono stati ultimati i collaudi e sbloccata la gara per gli arredi, per cui la scuola sarà pronta per l’inizio dell’anno scolastico 2019/20».

Gli altri interventi menzionati dal sindaco Lodispoto in questa lunga carrellata riguardano i lavori di risistemazione della caserma dei Carabinieri, della realizzazione di un nuovo tronco idrico in Via Biliardo e dei lavori di risistemazione della fogna bianca, degli interventi per eliminare le fastidiose esalazioni in prossimità della Chiesa Madre del SS. Salvatore ed in località Focione - con conseguenti benefici per i residenti e per le attività turistiche e commerciali che si affacciano sul Lungomare Vespucci - senza dimenticare i percorsi per realizzare gli interventi di difesa della costa, il progetto per il riutilizzo delle acque reflue in agricoltura a beneficio degli arenili di zona Orno ed i progetti per la realizzazione di una nuova banchina e del dragaggio di Porto Canale.

L’URBANISTICA - «Per quanto riguarda l’Urbanistica - sottolinea Lodispoto - c’è stata l’approvazione definitiva del Documento Programmatico Preliminare ed è stato avviato il procedimento per i Piani Integrati di Rigenerazione Urbana che ci permetteranno di presentare progetti di valorizzazione delle quattro zone individuate e non sottoposte a vincolo. Abbiamo approvato il nuovo regolamento edilizio per mettere ordine in un settore che necessitava di alcuni punti fermi anche di carattere estetico ed abbiamo affrontato in maniera decisa la situazione di grave emergenza abitativa che si è venuta a determinare a causa di scelte infelici e dichiarate illegittime dall’autorità giudiziaria. Grazie all’intesa raggiunta con il Demanio, inoltre, stiamo completando le procedure per l’acquisizione a titolo non oneroso di Torre Pietra e dell’antico Torrione, estinguendo inoltre il debito contratto a suo tempo dal Comune attraverso una permuta con un immobile di nostra proprietà. Non va dimenticata neppure l’acquisizione a costo zero del Capannone Nervi, che il prossimo 11 maggio verrà visitato dal Governatore della Puglia Michele Emiliano».

LA RACCOLTA DIFFERENZIATA - Un capitolo a parte ovviamente è stato dedicato alla raccolta differenziata: «Ci stiamo sforzando di dare al nostro paese un’immagine più decorosa - dichiara il sindaco - e credo che i risultati siano sotto gli occhi di tutti: l’uscita dal Consorzio SIA, ancora oggi impantanato in vicende che per fortuna non ci riguardano più, l’ingresso di un nuovo gestore e la costituzione dell’ARO BT3 hanno portato innegabili benefici. Eppure c’è ancora chi, con un atteggiamento autolesionistico, preferisce denigrare l’immagine di questo paese dipingendolo sui social come una discarica a cielo aperto! A questi soggetti voglio solo dire che questi atteggiamenti non sono un dispetto che fate al sindaco o all’amministrazione comunale ma un danno che recate all’intera città. Stiamo lavorando per migliorare sempre di più il servizio: l’installazione di nuovi contenitori per i rifiuti speciali, la messa in sicurezza degli impianti di Zona Torretta, l’inaugurazione del Centro Raccolta di Porto Canale sono i dati oggettivi che ci hanno permesso di salire ad una percentuale di raccolta differenziata pari al 44%. In tutto questo abbiamo garantito i livelli occupazionali e la sicurezza dei lavoratori del nostro cantiere. E proprio in queste ore abbiamo sottoscritto l’accordo con gli altri comuni dell’Ambito di Raccolta Ottimale BT3 per una gestione unica dei servizi sul territorio, per una decisione dalla portata storica. Ma per quanto riguarda l’imposta sui rifiuti, voglio precisare che da parte nostra non c’è stato alcun aumento poiché, a causa della manovra di riequilibrio finanziario, il Comune è obbligato ad applicare l’aliquota massima sin dal 2016 e, perdurando il controllo da parte della Corte dei Conti, non può ridurla. L’aumento del costo del servizio, determinato dalle maggiori spese di trasporto, non è stato determinato da noi ma in base al documento di Programmazione Economico Finanziaria 2018, laddove abbiamo eliminato quelle agevolazioni che gravavano sulle casse comunali per 100mila euro. Nel frattempo abbiamo recuperato un finanziamento di 150mila euro per ottenere altri diecimila mastelli ed un finanziamento pari a 64mila euro per la pulizia delle zone periferiche. Raccomando ai cittadini che possiedono animali da affezione di munirsi di paletta e bustine per la raccolta delle deiezioni canine: abbiamo già elevato contravvenzioni a chi non rispetta questa elementare norma del vivere civile perché non possiamo ammettere che una località turistica debba essere disseminata di sgradevoli “ricordini”».

LA VALORIZZAZIONE DEL TURISMO - L’ultimo passaggio è sulla valorizzazione del turismo: «Le nostre iniziative per destagionalizzare i flussi turistici hanno avuto grande successo: il tour di blogger e giornalisti ci ha dato visibilità, anche sulla stampa d’oltreoceano, gli eventi e le sagre che sono state organizzate hanno portato un buon numero di presenze ma voglio ricordare due passaggi in particolare: il Grande Party di Capodanno che ha avuto un successo strepitoso e le due sfilate del Carnevale. L’accordo con l’Atisale per la nuova gestione del Centro Visite in Salina sta già facendo registrare un gran numero di prenotazioni ed inoltre, a partire dal mese di maggio e per tutta l’estate, sarà attivo il collegamento diretto da e per l’aeroporto di Bari Palese che darà un grande contributo allo sviluppo del turismo. Voglio infine sottolineare il prestigioso riconoscimento della Bandiera Verde per le nostre spiagge a misura di bambino, che premia l’impegno dei nostri operatori del settore balneare. È questo lo spirito che mi piace sottolineare nel nostro paese: bisogna sostenere le iniziative del tessuto imprenditoriale e degli investitori per dare segnali positivi ai nostri giovani e stimolare l’occupazione. Lavoreremo in questa direzione per salvaguardare le attività produttive e la legalità. E faremo rispettare la legge in tutti i settori: anche nella nomina degli scrutatori per le elezioni, così da rispondere anche ai soliti leoni da social network che amano nascondersi dietro la loro tastiera per far sfoggio di facile e offensiva demagogia».

Ufficio Comunicazione - Staff del Sindaco

box tribigas