Agricoltura e Sport, le proposte di Più Margherita. Cusmai: «Fondamentale interfacciarsi con la Regione»

MARGHERITA DI SAVOIA - A poche ore dal voto amministrativo del 10 giugno, la candidata sindaco della lista Più Margherita, Antonella Cusmai, prosegue i suoi quotidiani incontri con i cittadini, esponendo il progetto e il programma sui temi di maggiore interesse pubblico. Agricoltura e Sport sono stati i due settori al centro dell’appuntamento in piazza Padre Pio, svoltosi nella serata di mercoledì 6 giugno. 

“Amo la politica al servizio della gente, perché questo è il significato vero della Politica: occuparsi del quotidiano, della vita di tutti i giorni, questa è la politica di Più Margherita. Eppure la politica è maltrattata, perché? Oggi dire che la politica piace fa scattare un senso di vergogna, per quale motivo? Vorrei capire da voi cosa avete inteso delle proposte degli altri...La politica che mi appassiona è la politica-istituzione, quella buona. Cattiva è la persona che fa politica, non la politica in sé. È stata una pessima campagna elettorale e vi chiedo scusa a nome di tutti quelli che hanno massacrato la politica margheritana, i cafoni istituzionali”, dichiara Antonella Cusmai in apertura dell’incontro.

“Diffidate del vecchio che avanza, perché l’anzianità di servizio non è sinonimo di preparazione né di competenza. Si è nuovi e giovani per principi, per forma mentis, per capacità di programmare. Diffidiamo di chi scredita l’avversario e impronta la sua campagna elettorale solo su questo. Noi parliamo di programmi dall’8 marzo e non abbiamo ancora finito, non vi stiamo facendo promesse di case, di lavoro, di soldi”.

Si entra poi subito nel vivo delle tematiche, a cominciare dall’agricoltura: “I nostri agricoltori sentono la necessità di interfacciarsi con la Regione, perché la Regione fa le leggi in materia di agricoltura e oggi abbiamo avuto qui l’assessore regionale Leo Di Gioia (leggi). Il Comune deve dare una sede agli agricoltori, che non hanno più un punto di incontro in cui parlare dei loro problemi: c’è bisogno di tornare ad associarsi, a parlarsi. L’agricoltura è presente e futuro di Margherita ed è legata al turismo. Se devo promuovere la cipolla bianca, il Comune deve essere parte attiva, non si può lasciare tutto solo all’iniziativa dei privati. Far conoscere i propri prodotti significa attrarre turisti: agricoltura, enogastronomia e turismo sono un unico circolo”.

“Nel nostro programma parliamo di associazionismo, per esempio anche nel settore dello Sport: qualcuno ne parla solo coi ragazzi per convincerli a votarlo in cambio della promessa di un palazzetto...Vergogna!”, è il commento della Cusmai, introducendo il secondo tema. “Invece noi proponiamo una Consulta dello Sport che raduni tutte le associazioni sportive, in modo tale da sottoporre le loro problematiche al Comune. Ci sono tanti finanziamenti per lo sport, ma vanno saputi prendere per ristrutturare quello che già c’è e che purtroppo è abbandonato all’incuria. Dobbiamo puntare anche sul turismo sportivo, creare ostelli per ospitare le scuole di tennis, di calcio, di basket, tutti modi per far girare l’economia”.

Infine, l’appello al voto: “I miei candidati non li ho scelti a caso, ma perché ognuno ha una competenza specifica che gli consente di amministrare un ente locale. Il 10 giugno vi chiediamo il voto per il simbolo del Torrione, non per noi ma per voi, per Margherita di Savoia. Cinque anni fa vi siete fidati e avete sbagliato, ora non abbiamo più tempo. Il vecchio vestito da nuovo non ci serve, puntate su una donna, fidatevi, metteteci alla prova!”

YLENIA NATALIA DALOISO