L’Avvenire chiude il primo ciclo del ‘Tour del Cambiamento’. Ronzino: «La nostra è l’unica politica di rinnovamento in questa città»

MARGHERITA DI SAVOIA - Con il comizio di piazza Padre Pio e gli incontri di quartiere di piazza della Repubblica (via Barletta) e di zona Armellina si è concluso il primo ciclo del Tour del Cambiamento del candidato sindaco della lista ‘L’Avvenire’, Carlo Ronzino.

Il disagio economico-sociale e le difficoltà del Paese dovrebbero essere da monito per i politici di professione - ha spiegato Ronzino -. Bisognerebbe evitare le polemiche e gli sterili attacchi, invece c’è chi continua tutt’oggi a perseguire questo tipo di politica. Il momento attuale ci dice che la gente è stanca dei vecchi tromboni! I cittadini hanno bisogno di uomini e di donne che camminino per le strade e che si occupino di risolvere i problemi. Per tutti questi motivi crediamo di essere l’unica alternativa valida, l’unica possibilità di cambiare Margherita di Savoia. Vogliamo ripartire dalle piccole cose per porre le basi e costruire la Margherita del Futuro.

Chi continua a calunniare gli avversari, lo fa per nascondere i fallimenti politici di 40 anni e perchè vuole alimentare solo divisioni che spaccano famiglie, associazioni, movimenti, imprenditori, professionisti, commercianti, agricoltori, pescatori.

Noi vogliamo, invece, UNIRE Margherita di Savoia! Vogliamo farlo in sinergia con i cittadini e con tutte le parti sociali, lavorando in SINERGIA con le scuole, le parrocchie, istituendo comitati di quartiere che possano segnalarci problemi e proposte da affrontare e realizzare.

È quello che ho fatto in 18 mesi da Assessore, occupandomi di tutti i settori, lavorando ogni giorno, da mattina a sera, donando ogni emolumento in beneficienza.

Abbiamo inteso il nostro Tour del Cambiamento per parlare con i cittadini e con i residenti dei vari quartieri, per capire cosa non è stato fatto in tutti questi anni di promesse elettorali e non per rispondere agli attacchi.

Vogliamo una Margherita che si occupi di rigenerazione urbana, di dare vita ad aree verdi, luoghi pubblici d’aggregazione, parchi giochi per i bambini. Vogliamo una Margherita più bella e che abbia strade e marciapiedi sicuri, più illuminazione, manutenzioni periodiche.

Dobbiamo occuparci di migliorare il servizio di raccolta rifiuti e debellare il fenomeno dell’abbandono con premialità per tutti i cittadini che fanno il proprio dovere.

C’è chi promette ancora posti di lavoro - prosegue Ronzino -. Non vi fate ingannare! Chiedete a questi come faranno a realizzare promesse che non hanno mai mantenuto dopo anni e anni di politica. Noi abbiamo già le idee chiare, prevediamo la costituzione di cooperative per i margheritani, la valorizzazione dei professionisti locali.

Dobbiamo sostenere il commercio, l’agricoltura, la pesca.

Dobbiamo risvegliare la cultura e lo sport nel nostro Paese, aiutare le fasce più deboli, i poveri che soffrono, gli anziani.

La nostra è l’unica politica di RINNOVAMENTO in questa città - ha concluso Ronzino -. Il 10 giugno, guardiamo oltre e spicchiamo il volo, credendo in un gruppo nuovo di giovani professionisti che ci mette la faccia e che vuole cambiare le sorti di Margherita di Savoia.

Comunicato Stampa ‘L’AVVENIRE’