Dal Liceo “A. Moro” al Parlamento Europeo: l’esperienza di dieci studenti raccontata nel corso di un evento pubblico

Dal Liceo “A. Moro” al Parlamento Europeo: l’esperienza di dieci studenti raccontata nel corso di un evento pubblico Dal Liceo “A. Moro” al Parlamento Europeo: l’esperienza di dieci studenti raccontata nel corso di un evento pubblico
Watch the video

MARGHERITA DI SAVOIA - Il Liceo Scientifico “A. Moro” di Margherita di Savoia ha organizzato una manifestazione pubblica, presso il proprio auditorium, per condividere l’esperienza dello stage effettuato a Strasburgo, denominato E.S.C. (European Student Council) presso la sede del Parlamento Europeo e per ringraziare tutti coloro che hanno contribuito alla straordinaria riuscita dell’evento.

Il dirigente vicario, Prof. Giovanni Sardaro, ha evidenziato il significato vero di Unione Europea, che va oltre le sigle convenzionali, per divenire vero e proprio strumento operativo nelle mani delle giovani generazioni.

Presenti a tale iniziativa anche due ambasciatrici eTwinning, Prof.ssa Lucrezia Di Molfetta e Prof.ssa Marianna Fanizza, la referente eTwinning Stefania Mastrapasqua, l’eurodeputato Sergio Silvestris e la Prof.ssa Giuseppina Mastrapasqua che ha, di fatto, permesso, organizzato e coordinato l’evento. Importante è stato il supporto dell’Amministrazione del comune di Margherita di Savoia che ha fattivamente contribuito alla buona riuscita dello stage.

La delegazione di dieci studenti del Liceo margheritano è composta da: Alessia Ditrani, Anna Ditommaso, Antonio Riondino, Giuseppe Martire, Giuseppe Marzucco, Gurjit Kaur, Nicola Leone, Ruggero Vischi, Stefano Dileo e Sara Valendino, che hanno ben rappresentato il proprio territorio, omaggiando le host families di Strasburgo - giuristi e funzionari del Parlamento Europeo - con prodotti tipici del territorio, messi a disposizione dalle aziende locali che hanno ben inteso l’importanza di farsi conoscere in contesti ben più ampi.

Gli studenti partecipanti a quest’iniziativa hanno avuto modo e possibilità di esprimere il proprio entusiasmo per l’esperienza vissuta all’intero corpo studentesco nonché al corpo docente e dirigenziale.

Durante la manifestazione sono stati condivisi momenti d’impegno e di relax attraverso la proiezione di filmati e foto. Gli studenti hanno ottenuto l’impegno del corpo docente e dirigenziale a replicare l’iniziativa affinché sempre più studenti abbiano la possibilità di capire sul campo che l’Europa non è una sigla ma la nazione unica di cui noi europei siamo chiamati ad esserne cittadini attivi.  

SARA VALENDINO