Cordoglio per la scomparsa del vescovo Pichierri. Di Feo: «È stato per noi una guida»

TRINITAPOLI - “Tutta la nostra diocesi piange oggi per la scomparsa del nostro Vescovo, uomo di grande levatura morale e amorevole pastore della nostra comunità”. Il sindaco di Trinitapoli, Francesco di Feo, si unisce al cordoglio per la dipartita di Giovan Battista Pichierri, questa mattina a Trani. L’arcivescovo di Trani-Andria-Bisceglie era nato a Sava (Taranto) 74 anni fa.

Il 21 dicembre 1990 Giovanni Paolo II lo aveva eletto vescovo della diocesi di Cerignola-Ascoli Satriano (Foggia). Il 26 gennaio 1991 fu ordinato vescovo nella chiesa madre di Manduria (Taranto) dal vescovo Armando Franco e il successivo 17 marzo aveva fatto il suo ingresso in diocesi. Il 13 novembre 1999 sempre Papa Wojtyla lo trasferì alla sede arcivescovile di Trani-Barletta-Bisceglie, dove entrò ufficialmente il 26 gennaio 2000.

“Lascia un gran vuoto - osserva di Feo -, ma nello stesso tempo il ricordo di un mandato pastorale basato sulla mitezza, la carità e l’attenzione per il territorio. Sempre presente, mai invadente con le istituzioni, monsignor Pichierri è stato per noi una guida”.

Comunicato Stampa