Centro visite, Grazia Di Bari (M5S): «Dal sindaco Lodispoto e da Atisale nessuna risposta alle mie domande»

MARGHERITA DI SAVOIA - «Le Saline di Margherita di Savoia sono un’area naturale protetta della Puglia istituita nel 1977, ad oggi gestita da un privato tramite concessione, l’Atisale S.p.A.

Il Centro visite del Museo storico della Salina di Margherita di Savoia, negli anni, ha ricevuto diverse migliaia di visitatori ed è un punto di riferimento importante per la città e per il territorio.

Ma da quasi 1 anno il Museo è abbandonato a se stesso poiché non ci sono più le guide turistiche ad accompagnare turisti e visitatori ma pochi operai di Atisale che non sono formati per questo compito.

Nonostante i visitatori e l’indotto della città diminuiscono per il Sindaco di Margherita Bernardo Lodispoto è tutto a posto!

Io, invece, sono molto preoccupata per questa situazione.

Il 4 Luglio, ho chiesto al Sindaco di Margherita Bernardo Lodispoto, per quale motivo 1 anno fa ha revocato il Protocollo d’intesa per la gestione del Museo con Legambiente (che aveva le sue guide turistiche) e perché, pur dichiarando che “l’amministrazione comunale in carica nel 2015 abbia sottoscritto un accordo palesemente contra legem”, non lo abbia denunciato alla Procura della Repubblica.

Anche se a mio avviso, sarebbe bastato modificare il Protocollo per correggere eventuali errori.

Quindi qual è la vera motivazione?

Ma la questione più curiosa ed interessante è quella della “sparizione” delle guide turistiche.

Infatti, il 15 Febbraio 2019, il Comune, di concerto con Atisale S.p.A. ha indetto un bando di formazione per un “Corso di Operatore Didattico Ambientale e naturalistico della Salina” al fine di formare 20 figure professionali come “guide turistiche” per il Museo.

Il 15 Marzo, viene approvato il verbale ed il relativo elenco di candidati. All’esito del procedimento, su 14 domande, 13 sono ammesse alla predetta attività di formazione.

Bene, da quello che leggo finalmente avremo 13 nuove guide turistiche che potranno valorizzare il Museo.

Ed invece no. 

Ad oggi il procedimento risulta incompleto. 

Mi chiedo quindi: l’attività formativa è stata svolta? Che fine hanno fatto le guide turistiche formate?

Le mie domande sono chiare ma ad oggi non hanno ricevuto risposte, né dal Sindaco (che mi ha banalmente detto “è tutto scritto nelle carte”, ma così non è) né da Atisale.

Lotterò finché non avrò una risposta.

Seguitemi per i futuri aggiornamenti!

#IoNonMollo

PS: In attesa della risposta di Atisale, vorrei sapere: per caso tra i dipendenti di Atisale che svolgono attualmente la mansione di “guide turistiche” c’è qualche parente dei membri della Giunta comunale?»

GRAZIA DI BARI (Consigliere regionale Movimento 5 Stelle)