Trinitapoli, De Lillo: «Stop al pericoloso pesticida Clorpirifos etile nelle colture»

TRINITAPOLI - «Non utilizzate Clorpirifos etile nella olivicoltura». È l'avviso pubblico diramato dall’assessorato all’Agricoltura di Antonietta de Lillo per limitare l’impiego del pesticida inquinante nei campi di Trinitapoli.

Da indagini degli uffici comunali, ne è infatti stata riscontrata una massiccia presenza in oliveti, frutteti ed oliveti, durante tutto l’anno solare, con rischio di forte inquinamento.

«Il pesticida organofosforico Clorpirifos - precisa l’assessore de Lillo - può provocare rischi per la salute umana poiché altera i meccanismi di regolazione neuro-endocrina e tiroidea, con conseguenze rilevanti soprattutto per le donne in gravidanza e, di conseguenza, sul feto e sui bambini». L’Ufficio Osservatorio Fitosanitario della Regione Puglia è stato revocato l’impiego su olio del Clorpirifos etile a partire dal 12 giugno 2012 come da decisione del Ministro della Salute, limitandolo ad un solo intervento annuo e mai oltre il 30 giugno.

«Nell’interesse della collettività - conclude l’assessore all’Agricoltura - avvertiamo agricoltori ed hobbysti, per sensibilizzare ad un tema su cui si riscontra ancora scarsa conoscenza, malgrado i grossi rischi per la salute pubblica».

COMUNE DI TRINITAPOLI Servizio di Comunicazione istituzionale