Secondo sciopero mondiale per il clima, anche gli studenti delle scuole margheritane protestano in strada

MARGHERITA DI SAVOIA - Lo scorso 24 maggio anche gli studenti delle scuole di Margherita di Savoia hanno partecipato al secondo sciopero mondiale per il clima, che rientra nei Fridays for Future, una mobilitazione organizzata periodicamente per incoraggiare i governi a intraprendere politiche ambientali efficaci contro il cambiamento climatico. (Video)

Con i loro striscioni ironici e taglienti, i ragazzi sono partiti dall’Istituto Alberghiero per attraversare le principali strade del paese, in un corteo ricco di colori e allegria. Tante le proposte avanzate per sensibilizzare nell’immediato le autorità locali e l’opinione pubblica, a cominciare proprio dai piccoli gesti, come la necessità di tenere pulite le spiagge o usare meno l’auto. Una protesta corale, che accusa i “grandi” delle loro responsabilità sul riscaldamento globale, nonostante le numerose prove scientifiche, e fa emergere la lucida consapevolezza di un futuro compromesso per i ragazzi, se la situazione non dovesse cambiare.

La manifestazione è ispirata dall’ormai celebre Greta Thunberg, la sedicenne svedese che iniziò la sua protesta nel 2018 davanti al Parlamento di Stoccolma, scioperando da scuola ogni giorno (poi ogni venerdì) con il cartello “Sciopero scolastico per il clima”. La sua richiesta di intervenire concretamente per diminuire l’emissione di anidride carbonica nell’atmosfera e contrastare l’emergenza climatica ha avuto una risonanza tale da diventare il punto di riferimento per tanti altri studenti e associazioni ambientaliste, che hanno a cuore il destino del pianeta.

Redazione CorriereOfanto.it (Foto: Anna Daloiso)

box terme