Aro BT3, l’assemblea dei sindaci delegano l’Ager alla gara unica per la raccolta dei rifiuti

Aro BT3, l’assemblea dei sindaci delegano l’Ager alla gara unica per la raccolta dei rifiuti Aro BT3, l’assemblea dei sindaci delegano l’Ager alla gara unica per la raccolta dei rifiuti
Watch the video

TRINITAPOLI - L’assemblea dei sindaci ha approvato definitivamente il piano industriale per spazzamento e servizio di raccolta dei rifiuti dell’Aro BT3. Dopo l’incontro in Regione, lo scorso 4 aprile, questa mattina a Trinitapoli i sindaci del Comune casalino, di San Ferdinando di Puglia e di Margherita di Savoia hanno delegando l’Ager alla gara unica per i prossimi 9 anni.

«Questo piano d’ambito di raccolta - ha commentato già giovedì scorso il commissario Ager, Gianfranco Grandaliano - individuerà il gestore unico che consentirà l’avvio di una raccolta differenziata spinta, qualitativamente migliore del precedente servizio, e una stabilizzazione dei costi per 9 anni. Normale che di recente si sia provveduto ad aumenti: in passato, i contratti erano sottostimati, ora i cittadini avranno un servizio migliore a costi contenuti».

Ottimismo e soddisfazione, al termine, da tutti i sindaci dell’Aro BT3, formalmente nato lo scorso 29 ottobre a Margherita di Savoia. Lo strappo dal Consorzio Bacino FG4, dalla Sia Srl, dai veleni e dalle contese sta producendo i suoi frutti, in termini di servizi.

«Questo piano d’ambito - spiega il vicepresidente dell’Aro e sindaco della città delle Saline, Bernardo Lodispoto - conferma la volontà ferma dei 3 sindaci di creare una sinergia produttiva, in poco tempo, per aggiudicare una gara che avvantaggerà le comunità anche sotto il profilo della tassazione».

Salvatore Puttilli ringrazia i colleghi sindaci e gli apparati comunali: «Oggi comincia una nuova storia - sottolinea il primo cittadino sanferdinandese - che rappresenta un nuovo inizio di efficienza e servizi. Sono finalmente finiti i tempi delle scelte subite e calate dall'alto: dimostriamo di essere efficienti e rapidi, autodeterminandoci coraggiosamente».

La sinergia dimostrata dalle 3 comunità lascia ben sperare anche per la ripresa del discorso sull’Unione dei Comuni. Ne è convinto Francesco di Feo, primo cittadino di Trinitapoli. Ma il 9 aprile è per il neopresidente dell’Aro il giorno del riscatto per 45mila abitanti: «Siamo passati dalle parole ai fatti - commenta soddisfatto - e finalmente questo nostro Ambito di raccolta ottimale è una realtà. È stata una battaglia dura e lunga, ma abbiamo vinto. Ora, appena la gara sarà espletata, avremo un unico gestore per i nostri Comuni, assicurando costi contenuti grazie alla differenziata da incrementare. E soprattutto avremo città più pulite»

COMUNE DI TRINITAPOLI Servizio di Comunicazione istituzionale

box bitrigas