Vertenza Sia, lunedì 25 giugno nuovo vertice in Prefettura. Lodispoto: «Istituzioni collaborino per risolvere la vicenda»

MARGHERITA DI SAVOIA - Alla luce della decisione comunicata nella giornata di giovedì 21 giugno da parte dell’Ager, che ha disposto la chiusura della discarica del Consorzio SIA ordinando il conferimento dei rifiuti presso la discarica di Massafra, i nove sindaci dei Comuni aderenti al Consorzio si sono nuovamente riuniti presso l’Aula Consiliare del Comune di Trinitapoli per far fronte ad una situazione che, con l’inizio dell’estate, sta assumendo contorni drammatici e che sta creando momenti di fortissima tensione sociale all’interno delle comunità coinvolte. Alla riunione hanno partecipato anche il consigliere regionale Francesco Ventola ed il sen. Dario Damiani, che hanno garantito il loro massimo impegno al fianco delle amministrazioni del territorio.

I sindaci hanno ribadito all’unisono che l’ordinanza dell’Ager con cui si dispone il conferimento dei rifiuti a Massafra rischia di generare una situazione esplosiva poiché i Comuni non dispongono né dei mezzi né dei fondi necessari per poter gestire il flusso dei rifiuti urbani presso una località così lontana.

Sono stati altresì ribaditi gli impegni cui i sindaci hanno fatto fronte in questi giorni per garantire la necessaria continuità del servizio, dalla stipula di una polizza fideiussoria (la cui mancanza aveva portato alla revoca della dichiarazione di impatto ambientale), agli interventi di raccolta del percolato, riportato entro i limiti consentiti dalla legge, ed infine con il reperimento dei fondi necessari per sbloccare così i pignoramenti in atto e subito dopo provvedere al pagamento degli stipendi per le maestranze.

Nette le parole del Sindaco di Margherita di Savoia Bernardo Lodispoto: «I Comuni non sono una controparte ma tutti insieme - Regione, Comuni e Agenzia Regionale Gestione Rifiuti - rappresentiamo le istituzioni, e le istituzioni sono chiamate a collaborare. I nove Comuni coinvolti hanno dato immediatamente disposizioni per risolvere le problematiche che erano sul tavolo e la soluzione pareva ormai a portata di mano ma adesso, con la decisione di trasferire i rifiuti a Massafra, è tornato tutto in discussione. Al Governatore Emiliano, che essendo stato Sindaco di Bari conosce bene le responsabilità che il ruolo implica, chiedo di mettersi nei nostri panni e di pensare cosa potrebbe accadere in una località turistica come Margherita di Savoia se dovesse verificarsi un’emergenza di carattere ambientale. Gli enti locali hanno garantito da parte loro la massima collaborazione e non esistono contrapposizioni: amministrazioni comunali e lavoratori del consorzio sono una cosa sola in questa vertenza e va rivolto un encomio a chi, pur senza ricevere da tempo lo stipendio, si sta adoperando per evitare che la situazione diventi insostenibile. Allo stesso modo non deve esistere alcuna contrapposizione tra Comuni, Regione ed Ager ma tutti insieme dobbiamo collaborare per trovare una soluzione definitiva a questa vicenda». (Video, ndr)

Sarà decisivo il vertice convocato presso la Prefettura di Foggia lunedì 25 giugno alle ore 10.30. La richiesta che i Comuni aderenti al Consorzio SIA porteranno in quella sede è la proroga di almeno un mese dell’ordinanza n.1/2018. I Sindaci dei nove Comuni hanno richiesto che al vertice in Prefettura siano presenti con propri rappresentanti tanto la Regione Puglia quanto l’Ager per cercare di individuare una soluzione concordata e mettere la parola fine a questa spinosa vicenda.

Ufficio Stampa Movimento MARGHERITA MIGLIORE

box smeraldo